Anchilosi ATM

Anchilosi ATM

anchilosi-atm
Per anchilosi ATM (anchilosi dell’articolazione temporo mandibolare) si intende la limitazione grave o l’annullamento completo e permanente dei movimenti di un’articolazione.
Esistono vari tipi di anchilosi:

–  Anchilosi ossea o vera, caratterizzata dalla fusione delle ossa di un’articolazione per proliferazione del tessuto osseo (sinostosi).
–    Anchilosi fibrosa o falsa, secondaria a proliferazione di tessuto fibroso all’interno di un’articolazione.
–   Anchilosi legamentosa o extracapsulare, provocata dalla rigidità dei legamenti e della capsula articolare.

Cause: L’anchilosi di un’articolazione può derivare da processi patologici che colpiscono l’articolazione stessa o le ossa vicine, quali traumi, infezioni, infiammazioni.

POSTER ANCHILOSI

 

PER DOMANDE O RICHIESTE AL DR. GUARDA NARDINI COMPILARE IL MODULO SEGUENTE

Il tuo nome (richiesto)

La tua email (richiesto)

Oggetto

Il tuo messaggio

controllo di sicurezza - digita i caratteri che vedi sotto
captcha

 

Pubblicazioni riguardanti Anchilosi ATM eseguite dal dr. Guarda Nardini:

Trattamento del lock chiuso dell’articolazione temporo-mandibolare mediante infiltrazione intrarticolare di mepivacaina con risoluzione immediata e perdurante nel tempo

Temporomandibular joint total replacement prosthesis: current knowledge and considerations for the future

Total temporomandibular joint prosthesis as a surgical option for severe mouth opening restriction. A case report of bilateral intervention

Total temporomandibular joint replacement: a clinical case with a proposal for post-surgical rehabilitation

– TMJ prosthesis: a critical appraisal of literature and case

Temporomandibular joint bilateral post-traumatic ankylosis: a report of a case treated with interpositional arthroplasty

La protesi totale di ATM – Corso Monotematico

Synovial chondromatosis of the temporomandibular joint: a case description with systematic literature review 

Myositis ossificans traumatica of the temporalis muscle: a case report and diagnostic considerations

 

Per ulteriori informazioni contattare il dr. Guarda Nardini